Tachina

domenica 4 gennaio 2015

Esperienza di fratel Luciano

Da fratel Luciano, che è stato a Tachina 4 anni ed ora è all'Asilo di Manta,  riceviamo e volentieri pubblichiamo questa sua  esperienza di vita...           
               

Esperienza di vita


Mi chiamo Luciano Rossi. Sono di Cles Provincia di Trento. Inizio il racconto della mia esperienza di vita, con una carrellata del mio passato. A 14 anni sono entrato in seminario dai Padri Francescani,dove sono rimasto per 9 anni, dei quali 3 anni passati nel Santuario di San Romedio (TN). A 23 anni ho lasciato i Padri Francescani e due mesi dopo ho iniziato a lavorare nel settore alberghiero  per 14 anni come aiuto cuoco e come portiere di notte. Nel 1988 è nato in me il desiderio di servire i poveri, ho chiesto al Cottolengo di Torino di vivere un’esperienza di volontariato. Così nel periodo  invernale sono andato al Cottolengo a prestare servizio come volontario, quel posto mi attirava, è nato in me il desiderio di fermarmi li. Ogni volta che ritornavo a casa, terminato il periodo di volontariato, mi sembrava di sentire  come se qualcuno mi dicesse di fermarmi  lì. Allora ho detto tra me: non c’è due senza tre, e così il 15 dicembre 1990 sono entrato definitivamente al Cottolengo di Torino, ho prestato servizio come Volontario per 2 anni e poi sono entrato nella Congregazione dei Fratelli di San Giuseppe Benedetto Cottolengo. Ho prestato  servizio in varie parti, questo, mi è servito molto come esperienza al servizio dei  poveri, 15 anni fa, ho emesso i voti di povertà, castità e obbedienza, donandomi così al Signore per tutta la vita. Ora sono 24 anni che mi trovo al Cottolengo, la Casa Madre è a Torino dove ci sono tre Congregazion: i Sacerdoti, le Suore e i Religiosi Fratelli. Questa casa accoglie molte povertà, come disabili mentali e fisici, anziani, tossicodipendenti,  presta attenzione alle persone più abbandonate, dando ogni giorno un pasto caldo per più di 400 poveri. Abbiamo altre case nel mondo: Svizzera, India, Kenya, Tanzania, Afghanistan, Ecuador e Stati Uniti. Quattro anni fa ho ricevuto l’obbedienza dai Superiori e attualmente mi trovo in Ecuador come missionario. Sono rimasto per quattro anni vicino alla grande città di Esmeraldas, in una località che si chiama Tachina, anche qui ho incontrato tanti poveri.

La struttura,dove vivevo  assiste 35 anziani, uomini e donne, per lo più raccolti dalla strada e senza famiglia, nessuno di loro può pagare: sono affidati completamente  alle nostre cure, e   alla Divina Provvidenza che ben conosce  i nostri desideri e le nostre difficoltà.  La nostra casa, si trova a Tabule, una frazione a 2 chilometri da Tachina. È ubicata in aperta campagna. Immersa nel verde, affiancata dal fiume Rio Esmeraldas, Tabule conta poche centinaia d’anime, persone povere che vivono prevalentemente di pastorizia e in palafitte in riva al fiume,dove si pratica la pesca.Essendoci crisi di lavoro,tra i più giovani,si sta diffondendo la microcriminalità con lavori illeciti,come il narcotraffico organizzato: conducono cosi,una vita illegale e  immorale. L’analfabetismo è una vera piaga sociale che supera il 40% e per questo è facile incontrare bambini,anche da 7 – 8 anni che a cavallo pascolano le mandrie. Un’altra piaga sociale sono gli anziani in stato di abbandono. Spesso i figli sono emigrati all’estero in cerca di lavoro e non sono più tornati.Cosi dopo qualche anno,gli anziani genitori si ritrovano non più autosufficenti e devono vivere di elemosina.Tre mesi fa, ricevuta l’obbedienza dei Superiori ,sono stato trasferito a Manta,  sempre in Ecuador.È un’altra realtà pero anche qui si incontrano  persone anziane e povere. Noi siamo stati chiamati ad assistere queste persone , ricreando per loro un ambiente famigliare,dove possano curarsi e  trascorrere serenamente gli ultimi anni della loro vita. Assieme a noi anche dall’Italia ci aiutano con  donazioni e come volontari,cosi fino ad oggi, siamo riusciti ad accogliere questi anziani e dar loro ciò che spesso dalla vita non hanno ricevuto: una casa, un letto, cure mediche, cibo,  vestiti e affetto.

Se dovessi nascere un’altra volta farei la stessa scelta perché l’esperienza fatta mi ha aiutato a capire che nella vita non servono  tante cose ,ma volersi bene e accettarsi anche nella diversità.

Fratel Luciano

Nessun commento:

Posta un commento