Tachina

mercoledì 19 novembre 2014

Nuovi arrivi: Hugo

“Voi comunque siete pazzi a prendere tutti questi poveri  che, come ben sapete, ne oggi ne domani potranno aiutarvi economicamente...” “La capacità dell’Asilo è di 35 anziani, se ne prendete di più non avete  il personale sufficiente e dovete lavorare voi Fratelli, parchè se quando li prendete stanno ancora relativamente bene, poi sapete che essendo anziani col tempo o vanno in carrozzina o danno di testa...”

Queste alcune delle critiche che abbiamo ricevuto in questi giorni dopo l’ingresso di Hugo.

Hugo è cieco, incontinente, non cammina, non è autosufficiente. Ha 92 anni.

Il Parroco e un’Associazione che si chiama “Creando Futuro” ce l’avevano segnalato un paio di mesi fa. Siamo andati a trovarlo: non ha famiglia e la signora che l’aveva accolto lo teneva con... galline e maiali.

Come cottolenghini ci siamo subito chiesti cosa possiamo fare ora che anche la signora non lo vuole più e nessuno vuole più assisterlo, lavarlo, aiutarlo.

Così abbiamo “semplicemente” aggiunto un letto sicuri che la Divina Provvidenza verrà in nostro aiuto. Come sempre.

Sì, siamo un po’ pazzi e sappiamo che  avremo più lavoro, ma ci siamo detti ancora una volta che siamo qui per questi poveri anziani e ancora una volta ci fidiamo e ci affidiamo al Signore che qui ci ha voluti.

Sicuri che, con l’itercesssione del Santo Cottolengo, non ci lascerà perché Lui è li in questi poveri.

E ancora una volta è entrato nel nostro Asilo con Hugo.



I Fratelli di Tachina





Nessun commento:

Posta un commento