Tachina

sabato 12 aprile 2014

La professione perpetua di Fr. Robert Maina

Per noi Religiosi, giungere alla Professione Perpetua è un traguardo ambito che corona anni ed anni di formazione e preparazione.
La Professione Perpetua è il momento in cui ci consacriamo a Dio con i voti di castità, povertà ed obbedienza per tutta la vita.
Nella formula di Professione, noi Fratelli Cottolenghini promettiamo “di servire Dio, riconoscendolo presente nei poveri”, e questa è la ragione per cui entriamo a far parte di una famiglia religiosa, “sentendoci corresponsabili della sua fedeltà” insieme a tutti gli altri Confratelli.
Noi Religiosi del Cottolengo ci consacriamo a Dio nel servizio del prossimo più povero ed abbandonato, e questo lo vogliamo fare con una donazione incondizionata che può giungere “fino al sacrificio della vita”.
La Professone Perpetua è per noi come il matrimonio: ci uniamo per sempre a Dio; lo facciamo pubblicamente, di fronte alla Chiesa, che diventa testimone del nostro impegno e può chiederci di rendere conto delle promesse fatte sull’altare.



Ecco perchè la Professione Religiosa è pubblica: perchè tutti i Cristiani possono poi esigerela nostra coerenza.
La formazione di Fr Robert è stata lunga e per certi versi tortuosa e difficile: egli è però ora giunto alla meta, ed è ovviamente molto contento del traguardo raggiunto con sudore, lacrime e fatiche.
La formazione religiosa lo ha portato a concludere il suo cammino in Italia, lontano dai suoi cari e dai suoi amici.
Fr Robert mi incarica quindi di invitare tutti i volontari di Chaaria che lo hanno conosciuto a partecipare alla solenne celebrazione della sua professione perpetua nella Chiesa della Piccola Casa. Alleghiamo la locandina con l’invito, la data e l’orario.
Noi di Chaaria non riusciremo ad essere presenti fisicamente alla celebrazione e saremo vicini a Robert con la preghiera, ma coloro che potranno andare alla Piccola Casa quel giorno gli faranno un grandissimo dono.
A Fr Robert auguriamo fedeltà, perseveranza e felicità, nonostante le croci che certamente il futuro ha ancora in serbo per le sue spalle ormai forti e temprate.


Fr Beppe Gaido e comunità di Chaaria



Nessun commento:

Posta un commento