Tachina

venerdì 24 febbraio 2012

Nelson


“Di anziani come Nelson se ne potrebbe tenere un centinaio...”
Così si rispondeva a chi ci chiedeva informazioni su Nelson Nicolas Baltán Salamanca.  Tanto era buono, simpatico e soprattutto non l’abbiamo mai sentito lamentarsi di qualcosa. Per lui tutto andava bene: orari, cibo, medicine, vestiti...  E ringraziava sempre.
Nelson nella vita ha sempre e solo lavorato. Per poi finire i suoi giorni qui all’Asilo. Solo.
Secondo una vecchia carta d’identità scritta a mano, aveva già raggiunto i 100’anni. Però l’ultima volta che siamo andati al “registro civil” per il rinnovo della ormai sgualcita “cédula” gli hanno tolto un po’  di anni e l’hanno fatto nascere nel 1919!
Noi comunque l’anno scorso abbiamo festeggiato il secolo di vita. E che festa!
Nelson era l’amico di tutti e tutti gli volevano  un gran bene.
Non l’abbiamo mai visto litigare con qualcuno. Uomo semplice che dalla vita ha avuto ben poco, certamente avrà il suo giusto premio.
Ci ha lasciati silenziosamente, senza disturabare l’11 Febbraio, Madonna di Luordes, alle ore 7,00. Da un paio di giorni era a letto: mangiava poco e non aveva più la forza d’alzarsi, nemmeno in carrozzina. L’abbiamo idratato e quel mattino prima che arrivasse il medico per un controllo, lui era già partito per il Paradiso.
Anche Nelson lascia un grande vuoto in tutti noi che con lui abbiamo condiviso gli ultimi anni della sua lunga vita. Era bello averlo qui con noi. Il suo sorriso e i suoi grazie ci pagavano bene per il poco disturbo che dava.
Ciao carissimo Nelson, sono certo che anche San Pietro dirà “Di anziani come Nelson ne possiamo tenere centinaia....”
Fratel Maurizio










Altre notizie...
- Ieri 23 Febbraio abbiamo salutato Antonella e Silvio al termine della loro esperienza fra noi. Li vogliamo ringraziare soprattutto a nome di Solìs, Cesar, Murillo e Gloria: gli ospiti più gravi in questo momento dei quali Antonella e Silvio si sono presi cura con tanta pazienza e competenza (essendo anche infermieri).
Ora che sapete la strada e siete “sopravvisuti “ a... Esmeraldas, non ci resta che darvi un grosso ARRIVEDERCI e...”que Dios os paghe”.
- Ringraziamo anche P. Silvino che Sabato scorso ha accompagnato all’Asilo una famiglia di suoi amici di Quito che hanno voluto donare  carrozzine, girelli e altro materiale sanitario. 
P. Silvino è il Vicario Generale del Vicariato di Esmeraldas (praticamente il vice-Vescovo) e ben conosce quanto abbiamo sempre bisogno di carrozzine e materiale. Lo ringraziamo quindi di cuore per aver scelto noi dell’Asilo e alla simpatica famiglia donante promettiamo la nostra riconoscente preghiera. 


Nessun commento:

Posta un commento