Tachina

mercoledì 20 gennaio 2010

Marconi

TUTTI QUELLI CHE PASSAVANO ALL’ÁSILO SE LO RICORDAVANO.
CAMILLO MARCONI, CLASSE 1925, SEMPRE CON IL suo sorriso e ilGRANDE CAPPELLO DA CAW-BOY (LO SI VEDE BENE NELLA FOTO DEL CALENDARIO DELL’ASSOCIAZIONE NEL MESE DI NOVEMBRE 2009).
PERSONA MITE, SENZA UNA GAMBA ERA UN TUTT’UNO CON LA SUA CARROZZINA ROSSA.
SAPPIAMO POCO DI LUI, DELLA SUA VITA, DEL SUO PASSATO: SPESSO NEI SUOI RACCONTI SI CONTRADDICEVA, UN GIORNO AGGIUNGEVA, IL GIORNO DOPO TOGLIEVA E COMUNQUE NON AZZECCAVA MAI LO STESSO NOME!
CE L’AVEVA PORTATO, ASSIEME AGLI AUGURI DI BUON’ANNO, DON VITO IL PRIMO DI GENNAIO DEL 2008.
PRIMA CHE GLI AMPUTASSERO LA GAMBA (E NON ABBIAMO MAI CAPITO PERCHÉ GLIE L’AVESSERO TAGLIATA!!), VIVEVA IN UNA BARACCA VICINO ALLA SPIAGGIA DI ESMERALDAS. RIUSCIVA A TROVARE DEI LAVORETTI SALTUARI CON I PESCATORI DEL POSTO O CON I TURISTI.
POI PERÓ DOPO L’AMPUTAZIONE PIÚ NESSUNO LO CHIAMAVA E INIZIA A VIVERE D’ELEMOSINA: MANGIAVA POCO E NON RIUSCIVA PIÚ A LAVARSI DA SOLO.
AMICI NON NE AVAVA E SOLO UN GRUPPO DI “PIE DONNE” SEGUITE DALLE SUORE DELLA PARROCCHIA GLI OFFRIVANO UN PO’ D’ASSISTENZA E CIBO.
COSÍ, CON LA SCUSA DI ULTERIORI CURE MEDICHE E FISIOTERAPICHE, SONO RIUSCITI A PORTARLO QUI.
HA SEMPRE PENSATO CHE APPENA GUARITO (NON SI É MAI CAPITO DA CHE COSA DOVESSE GUARIRE. ESAMI EMATICI PERFETTI, APPETITO OTTIMO, ANCHE LA FERITA DELL’AMPUTAZIONE SI ERA RIMAGINATA BENE!) SE NE SAREBBE ANDATO. É PER QUESTO CHE PRATICAMENTE MARCONI NON HA MAI DISFATTO COMPLETAMENTE LA SUA GROSSA VALIGIA DI LEGNO.
ASTUTAMENTE TUTTI I SABATI IL MEDICO GLI DICEVA CHE DOVEVA STARE ANCORA UN’ALTRA SETTIMANA PER…GUARIRE BENE! COSÍ NON SAPENDO CHE DARGLI HA SEMPRE PRESO LA SUA VITAMINA MATTUTINA .
IMPROVVISAMENTE IL PRIMO DI GENNAIO, FORSE PER UN ICTUS CEREBRALE, CAMILLO MARCONI S’AGGRAVA: NON RIESCE PIÚ A PARLARE NÉ A NUTRIRSI. IL MEDICO, ANCHE LUI ORMAI AFFEZZIONATO A QUESTO SIMPATICO VECCHIETTO, VENIVA TUTTI I GIORNI E TRA FLEBO, VASODILATATORI CEREBRALI E FRULLATI IL GIORNO 7 GENNAIO IL SIGNORE SE LO PORTA IN PARADISO DOVE FINALMENTE CAPIRÁ CHE L’ASILO NON É PROPRIO UN…OSPEDALE!
PERÓ CAPIRÁ ANCHE CHE GLI ABBIAMO VOLUTO BENE E SE GLI ABBIAMO RACCONTATO QUALCHE BUGIA É PERCHÉ DAVVERO LA SPIAGGIA PER LUI NON ERA PIÚ UN POSTO VIVIBILE.
ARRIVEDERCI CAMILLO, CI HAI LASCIATO UN BEL RICORDO DI TE E …UNA BELLA VALIGIA DI LEGNO!

FRATEL MAURIZIO

Bruno.jpg

Nessun commento:

Posta un commento