Tachina

mercoledì 22 aprile 2009

Riflessioni giornaliere dal Diario di Padre Pasquale SSC su alcuni "Detti e Pensieri" di S. Giuseppe Cottolengo, a cura di Lino Piano


Vivere nel momento presente per scoprire i segni di Dio

Numero 147

Modicae fidei, se sapeste con chi aggiusto i miei conti, voi mi direste di dover fare anche più. La Divina Provvidenza che non lascia perire un passerino, penserà a me ed a tutti i miei cari; e quando abbisognino prodigi e miracoli, non mancheranno né i miracoli né i prodigi.



Riflessione

Quando si mette amore in una attività. Essa diventa bella, e il frutto di questa attività è bello. Ma la bellezza più grande è una bellezza semplice, in cui tutto è orientato verso l’incontro delle persone fra di loro e con Dio.
Il modo in cui ci occupiamo del nostro corpo mostra se siamo a nostro agio nel nostro corpo e nel nostro essere. Talvolta dimentichiamo il ruolo delle cose che ci circondano nella crescita e nella liberazione interiore.
Molti di noi hanno imparato che un mondo più giusto si fa a poco a poco, attraverso i gesti di amore nel quotidiano. Non si tratta di fare grandi cose, ma di fare piccole cose con un amore crescente, che attinge nel cuore di Dio.
La Piccola Casa è il luogo dove le piccole cose di ogni giorno vengono vissute con intensità, attenzione e gioia. Vivere umilmente le realtà della salute, dell’amicizia, del lavoro, della preghiera, del divertimento… tutti insieme in un’unica famiglia nell’amore del Padre Provvidente… valiamo più di molti passerini!


Nessun commento:

Posta un commento